EMERGENZA UCRAINA

Care Famiglie,

da giorni purtroppo stiamo assistendo ad una escalation di violenza, di guerra e di dolore in Ucraina. Davanti alle notizie e alle immagini che giungono quotidianamente, non ci sono parole che  possano esprimere quanto ci si senta impotenti di fronte all’avanzare di un conflitto che coinvolge tanti civili innocenti.

Ai confini dell’Europa, dove si aspetta un milione di persone, la crisi umanitaria renderà necessario uno sforzo ulteriore di accoglienza. Su questo fronte si stanno già mobilitando molte organizzazioni che lavorano per assistere i rifugiati.

Nella nostra provincia sono numerose le iniziative benefiche organizzate in queste ore per offrire supporto alle popolazioni dell’Ucraina messe sotto assedio dalle bombe russe. In campo ci sono organizzazioni di respiro internazionale come la Caritas e la Croce Rossa Italiana, ma anche Comuni, parrocchie, realtà del terzo settore e privati cittadini mobilitati per dare un aiuto concreto a chi in queste ore sta vivendo la tragedia della guerra.

 

Anche  la nostra Scuola vuole contribuire alla causa, consapevole che attraverso i gesti concreti si favorisce una crescita reale, armonica e profonda.

Per questo motivo invitiamo tutti i genitori, i ragazzi e i bambini della scuola dell’Infanzia, della scuola Primaria e della scuola Secondaria di I grado ad unirsi e a donare per sostenere  i profughi ucraini.

 

Operativamente aderiamo alla raccolta  proposta dal Banco Azzoaglio, iniziativa promossa da alcune dipendenti della banca col supporto dell’istituto di credito e della famiglia Azzoaglio, che sosterrà le spese di spedizione del materiale raccolto.

RACCOGLIAMO:

CIBO A LUNGA CONSERVAZIONE
Cibi che non richiedono cottura, scatolame vario (legumi, tonno, carne in scatola, barattoli di conserve, mais…) merendine e biscotti, marmellata e cioccolata, omogeneizzati, latte in  polvere, cibo per la prima infanzia, barrette energetiche, pane  in cassetta.

 

Da lunedì 7 marzo a venerdì 11 tutti gli alunni potranno portare le loro donazioni direttamente a scuola.

Per tutti coloro che volessero contribuire, sarà allestito anche  un  punto di raccolta nell’atrio della scuola.

 

 

 

La solidarietà fraterna non è una figura retorica, un modo di dire, ma è parte integrante della comunione tra i cristiani. Se la viviamo, noi siamo nel mondo segno, “sacramento” dell’amore di Dio. Lo siamo gli uni per gli altri e lo siamo per tutti!

– Papa Francesco –

                                                                                                                                                            

 

 

                                              GRAZIE per la preziosa partecipazione e collaborazione.

                                                  i docenti e il personale scolastico della Scuola “mons. A. Fiore”